Il primo hotel al mondo gestito da robot

A luglio aprirà in Giappone il primo albergo al mondo con uno staff composto anche da robot

Il Giappone è rinomato per essere uno dei Paesi pionieri dell'innovazione e del progresso tecnologico, e lo smisurato amore verso i robot si è rivelato essere una delle chiavi per mantenersi tra i primi Paesi al mondo in questa industria. Nonostante ciò, è stato un po' strano scoprire che degli scienziati giapponesi sono riusciti a creare robot così intelligenti da poterli usare come staff in un hotel.



L'Henn-na Hotel (che significa sia albergo "strano" che "diverso") aprirà a luglio. Le 72 camere saranno gestite da 10 persone accanto a 10 robot, e questi avranno un aspetto simile ad una giovane ragazza (seppur leggermente paurosa). 



Secondo il The Telegraph, i robot saranno capaci di parlare fluentemente, oltre al giapponese, anche il coreano, il cinese e l'inglese. Saranno inoltre in grado di compiere gesti tipicamente umani come sbattere le palpebre o respirare e saranno capaci di parlare gesticolando guardando negli occhi dell'interlocutore.


Tre robot saranno addetti ad accogliere i clienti nella reception, mentre un altro accompagnerà i clienti con i propri bagagli nelle camere. Altri saranno destinati a svolgere compiti quotidiani come pulire, preparare il caffè e lavare i vestiti. Tra le altre funzionalità futuristiche dell'hotel, vi è anche l'utilizzo del riconoscimento facciale al posto delle carte o delle chiavi per aprire la porta della propria camera.



L'hotel diventerà parte di un parco a tema chiamato Huis Ten Bosch a Nagasaki, costruito su una città olandese del XVII secolo. All'apertura, l'hotel sarà gestito per metà da umani e per metà dai robot, ma i gestori del parco sperano che in futuro il 90% dello staff operante sarà composto da robot. Ciò permetterà all'hotel di fittare camere ad un prezzo inferiore, grazie ai ridotti costi di gestione, con l'utilizzo anche di pannelli solari e fotovoltaici e luci LED.


Se il progetto avrà un riscontro positivo, i proprietari si impegneranno a costruire un altro hotel nel 2016 nello stesso parco e, in futuro, 1000 in tutto il mondo.



Archivio articoli Mondo


Scrivi commento

Commenti: 0